News

Comitato Iva della UE: Su gioco online tassazione spetta a Stato membro

La commissione fiscalità e unione doganale dell'Ue aggiorna le linee guida del Vat Committe (Comitato Iva) in merito alla tassazione sul gioco online. Secondo la direttiva Iva in tutti i casi, i servizi prestati tramite mezzi elettronici saranno tassabili al tasso standard stabilito da uno Stato membro, salvo se uno stato membro applichi una deroga della disposizione.


Il comitato Iva concorda all'unanimità che, in linea con l'articolo 401 della direttiva Iva, gli Stati membri possono applicare una tassa speciale nazionale sia sui giochi d'azzardo che sono esentati dall'Iva che sui giochi che sono tassati con Iva, a condizione che tale imposta non sia caratterizzata come un'imposta sugli affari e nella misura in cui siano soddisfatte tutte le altre condizioni previste dal predetto articolo 401.


Il comitato Iva concorda quasi all'unanimità nel ritenere che in attività di gioco in cui i giocatori competono uno contro l'altro per un montepremi e l'operatore di gioco riceve solo, come compenso per i suoi servizi, una commissione o tassa dai giocatori, l'importo imponibile è determinato dall'importo totale della commissione o tasse ricevute dall'operatore e non dall'importo totale delle scommesse piazzate dai giocatori.


LE VINCITE - Secondo il comitato dove la società di gioco è obbligata da disposizioni di legge o regolamentari, o da qualsiasi altro obbligo che possa essere eseguito nello Stato membro in cui l'operazione è tassata, per far tornare ai giocatori come vincite una certa quantità della somma totale ricevuta da loro, gli importi pagati come vincite devono essere detratti dalla somma totale ricevuta dai giocatori al fine di determinare il corrispettivo versato dalla società di gioco dai suoi giocatori che, ai sensi dell'articolo 73 della direttiva Iva, costituisce la base imponibile dei servizi di gioco forniti.


I BONUS - Inoltre, dove la società di gioco non è obbligata da disposizioni di legge o regolamentari, o da qualsiasi altro obbligo che possa essere eseguito nello Stato membro dove è tassata la transazione, per far tornare ai giocatori come vincite una certa quantità della somma totale ricevuta, la somma totale ricevuta dai giocatori costituisce il corrispettivo versato dalla società di gioco dai suoi giocatori per i servizi di gioco forniti ai sensi dell'articolo 73 della direttiva Iva, senza detrazione delle vincite consentita.


Il comitato Iva sottolinea poi che bonus e crediti concessi gratuitamente ai giocatori sono considerati come sconti da non inserire nella base imponibile della fornitura.

 

GiocoNews.it

 

Back To All News

Tags: Curacao gaming licence,gaming licence,Financial Institution Licence,Payment Institution,Incorporation of company in Malta,Malta gaming licence,online gaming license,Incorporation of company in Bulgaria,E-Money licence

..................................